Area Salute

Chiedi a un esperto

Fai una domanda a un professionista sanitario (medico, fisioterapista, …) e risolvi i dubbi sulla tua salute. Ricerca se tra le domande pubblicate c’è già la risposta che stai cercando. Il servizio è fornito da Pazienti.it*, selezionato da AXA per i propri clienti.

Ricerca tra le domande

Suggerimenti
- 07/04/2023

Quali esami effettuare per capire la causa di un forte gonfiore addominale?

13 persone hanno trovato utile questa risposta
Buongiorno, 
ho 44 anni e sono una donna in buona salute, con un alvo sempre abbastanza regolare, nessuna malattia importante e una bambina di 3 anni avuta con parto naturale, dopo una gravidanza normale. Da circa 3 mesi, soffro di forte gonfiore addominale, con crampi e stitichezza. Fin da subito, ho cominciato a prendere probiotici (Lactobacillus salivarius LS33, Lactobacillus acidophilus LA14, Maltodestrina da mais, amido di mais, miscela di fermenti lattici, gelatina, Bifidobacterium Lactis BL-04, Bifidobacterium Bifidum BB-06, Bifidobacterium breve BB-03, Bifidobacterium Longum BL-05, agente antiagglomerante, biossido di silicio e Inositolo 30 mg in sequenza), ma non hanno sortito alcun effetto, anzi, il gonfiore aumentava. Ho fatto analisi delle feci per eventuale presenza di batteri, ma né salmonella né sighella presenti. Quali altre analisi specifiche potrei fare? Dei parassiti intestinali? O cos'altro? E cosa mi consigliereste di assumere? Grazie.
Buongiorno,
il "gonfiore addominale" viene comunemente definito meteorismo: ci si riferisce ad una sensazione soggettiva di distensione, gonfiore o ripienezza addominale che talora si accompagna a distensione addominale effettivamente visibile.

Si tratta di un sintomo estremamente diffuso, riportato dal 10 al 30% nella popolazione generale.

È più frequente nelle donne e nei pazienti con disturbi funzionali gastro-intestinali, particolarmente in quelli affetti da sindrome dell’intestino irritabile (la cosiddetta colite).

Può essere dovuto a molteplici cause, prime fra tutte un'alterazione della flora intestinale e un rallentato transito intestinale.

La prima cosa da fare è cercare di evitare l'assunzione di alimenti che producono maggiore quantità di gas (cipolle, fagioli, fave, lenticchie, ceci, piselli, sedano, carote, broccoli, cavolfiore, cavolo, cime di rapa, melanzane, zucca, latte e latticini, cereali integrali).

Utile può essere l'esecuzione di un Breath Test al Glucosio (o al Lattulosio) per verificare se non ci sia un'eccessiva crescita di batteri nel piccolo intestino.

Cordiali saluti
Hai trovato questa risposta utile?

Risposta a cura di:

Scopri quali sono le migliori strutture sanitarie in Italia

Cerca per prestazione sanitaria o patologia e ottieni in pochi secondi la lista delle migliori strutture in base ai dati del Ministero della Salute.

Indice qualità prestazioni sanitarie
Servizi offerti dalle strutture
Sconti dedicati ai clienti AXA
Maggiori informazioni

Inizia la tua ricerca:

    *Campo obbligatorio
    *Seleziona un indirizzo valido dalla lista
    info

    Domande attinenti

    Chiedi a un esperto

    La tua domanda

    Formula la tua domanda in modo dettagliato per permettere una corretta valutazione del quesito. Possibili elementi rilevanti utilizzati esclusivamente per comprendere la richiesta: età, sesso, patologie pregresse, familiarità per determinate patologie e settimane di gestazione. Elimineremo i dati non strettamente necessari ma abbi cura di non inserire informazioni personali non necessarie.

    Se sei interessato a conoscere le soluzioni AXA per proteggere la tua salute clicca qui.

    Campo obbligatorio

    Contatti, privacy, termini e condizioni

    Inserisci il tuo indirizzo e-mail su cui riceverai gli aggiornamenti sulla tua domanda. Per usufruire del servizio, prendi visione dell'informativa privacy e accettane i termini e le condizioni di utilizzo.

    Formato email errato